Cultori della materia

Per “Cultori della materia” si intendono esperti o studiosi, non appartenenti ai ruoli del personale universitario docente e ricercatore, che abbiano acquisito in una disciplina documentate esperienze e peculiari competenze, in virtù delle quali possono essere abilitati, relativamente alla disciplina stessa (oppure in altre discipline afferenti al medesimo settore scientifico- disciplinare) a far parte delle commissioni degli esami di profitto e delle commissioni per gli esami di laurea ai sensi di quanto disposto dall’art. 42 del R.D. 47giugno 1938, n. 1269.

Gli interessati ad ottenere tale qualifica per un determinato Settore Scientifico Disciplinare dovranno presentare al docente-ricercatore afferente a tale settore, un’apposita dichiarazione di disponibilità redatta secondo lo schema contenuto nell’Allegato 1, corredata da tutti i documenti previsti dal relativo regolamento.

Le proposte di nomina a “cultore della materia” dovranno essere presentate dai docenti-ricercatori di norma entro il 30 giugno di ogni anno.

La qualifica di cultore della materia ha validità triennale, ferma restando la possibilità di revoca con motivata delibera da parte del Consiglio della Scuola su proposta della Giunta.

Regolamenti: